Curiosità e Storia

Il leggendario gatto procione - I segreti del Maine  Coon

​

Vederselo davanti è un’esperienza che non si dimentica. Il Maine Coon è davvero un gatto enorme, imponente, regale. A stargli accanto si prova quasi un senso di riverenza, come se si trattasse di un monarca del regno felino. Lui poi ce la mette tutta per dare a chi lo osserva questa idea. Il suo portamento è maestoso, tiene la testa alta, la coda larga e folta a mezza altezza, le larghe zampe poggiate saldamente a terra con fare da antico guerriero. Ma come spesso accade con gli animali, l’apparenza inganna e nonostante l’aspetto che incute un po’ di timore il Maine Coon è un vero bonaccione.

Questo gattone americano che secondo alcuni allevatori può arrivare a pesare anche quattordici chili, ha un carattere docile e giocoso, mai aggressivo, tanto che è considerato il micio più indicato per una casa piena di bambini.

Il Main Coon, lo dice il nome stesso, viene dal Maine, negli Stati Uniti nordorientali, al confine con il Canada. La sua patria quindi è un luogo molto freddo, caratterizzato da inverni rigidissimi e il fisico di questo micione è strutturato proprio per sopravvivere alle condizioni climatiche più avverse. Il pelo è lungo e folto, talmente folto da diventare praticamente impenetrabile. Inoltre è lucido e impermeabile all’acqua, e avvolge il gatto come in una tabarro. In inverno il pelo arriva a misurare anche sei-sette centimetri e si presenta più rigoglioso sotto il collo, sulla pancia e sulle zampe per proteggere il corpo quando l’animale cammina nella neve. Invece è più corto sulla schiena così da permettergli di strisciare tra la vegetazione a caccia di prede. Non si deve dimenticare infatti che le caratteristiche fisiche del Maine Coon sono quelle tipiche di un animale selvatico, di un predatore formidabile. Una leggenda lo vuole persino discendente dall’incrocio tra un gatto e un procione, cosa del tutto impossibile biologicamente dato che i due animali non sono della stessa specie e addirittura appartengono anche a due Famiglie diverse. Eppure per il suo aspetto e le dimensioni, il Maine Coon, che viene tutt’ora chiamato “gatto procione”, richiama subito alla mente un abitante delle grandi foreste. E pare proprio le sue vere origini discendano dai gatti selvatici portati un tempo dalla Scandinavia dai Vichinghi.

Ma continuiamo ad analizzare la struttura di questo colosso. La coda è, come si è detto, folta e molto lunga e quando il gatto dorme lo avvolge quasi completamente. E’ un comportamento tipico degli animali che vivono al freddo e infatti viene adottato, ad esempio, da tutti i cani nordici, dagli Husky ai Samoiedo ai Malamute. Infine, le zampe del Maine Coon sono grosse, larghe e molto pelose in modo da funzionare come delle racchette da neve e impedire al micio di scivolare sui tratti ghiacciati.

Da un gatto di questo tipo ci si aspetterebbe una voce profonda, un miagolio cupo molto simile ad un ruggito e invece il Maine Coon possiede una vocina flebile e acuta, come quella di un cucciolo. E se ne serve in continuazione borbottando e commentando ogni suo movimento, soprattutto quando si trova in compagnia del padrone. Questo fa del Maine Coon uno dei gatti più loquaci in assoluto. Infatti non ama molto stare da solo ma cerca sempre di far parte delle attività della famiglia. Raramente lo si può trovare in una stanza vuota, perché segue di continuo chi abita in casa, prendendo posto per riposare solo nei posti più frequentati. Ecco che diventa perciò un perfetto micio da salotto, pronto ad acciambellarsi sul divano quando qualcuno guarda la televisione. Per lui l’importante è stare in compagnia.

Occuparsi di un Maine Coon non è difficile perché necessita di meno cure di tante altre razze. Ad esempio è quasi inutile spazzolargli il pelo tanto è liscio e ordinato. E se si dovesse sporcare fargli un bel bagno non è mai un problema perché questo gatto è un amante dell’acqua. L’unico accorgimento da tenere presente è quello di asciugarlo con molta attenzione perché il mantello è talmente folto che in profondità può restare bagnato.

 

STORIA

​

All'inizio del secolo molti pensavano che,proprio per la caratteristica tigratura del suo mantello e la coda grossa e inanellata,il Maine coon fosse il risultato di un incrocio con il procione. L'ipotesi ovviamente assurda,ha comunque contribuito ad alimentare le numerose storie che su questa razza si tramandano. Le leggende non finiscono comunque qui: si racconta che sia un discendente dei gatti a pelo lungo di Maria Antonietta di Francia. Vista la somiglianza con il gatto delle foreste norvegesi altri sostengono che furono i vichinghi, 400 anni prima che Colombo scoprisse l'America, a lasciare alcuni dei loro gatti su quelle coste durante le escursioni. Forse l'ipotesi più veritiera è quella della "via commerciale" e cioè che discendono dai gatti a pelo lungo che viaggiavano sulle navi dei mercanti che, dall'Europa,facevano scalo sulla costa atlantica degli Stati Uniti. Il Maine coon appartiene comunque a una delle razze più antiche nate nell'America Settentrionale. La prima segnalazione ufficiale risale al 1861 e, divenuto inizialmente molto popolare,venne poi tralasciato per il persiano. Bisogna aspettare fino agli anni Sessanta per assistere alla riscoperta della razza, che fu riconosciuta nel 1976. E' arrivato in Italia solo nell'85, oggi è molto diffuso come gatto da compagnia.

​

COME' FATTO

​

Il Maine Coon odierno è decisamente diverso rispetto ai primi soggetti allevati: è imponente,massiccio,di dimensioni a dir poco gigantesche (anche se non raggiunge quei pesi leggendari che,spesso,sono stati enfatizzati).

Taglia:grande: il maschio in media 8/9 kg

Testa: cuneiforme e larga con muso squadrato. Il collo è di media lunghezza, è forte (sopratutto nel maschio) e leggermente arcuato.

Orecchie: alte sulla testa, sono lunghe e con ciuffi lunghi alle astremità, grandi, ben aperte e coperte alla base da abbondanti ciuffi di pelo.

Occhi: leggermente ovali, grandi e ben distanziati. Sono ammessi tutti i colori.

Naso: largo, leggermente bombato, con stop (leggera concavità) lungo la canna nasale.

Zampe: alte e le dita dei piedi ricche di pelo sono ‘create’ per non sprofondare nella neve, con ossatura pesante; piedi grandi e tondi

Coda: lunga,con pelo lungo e fluente

Mantello: semi lungo, più corto sulle spalle e abbondante sui fianchi e sulla lunghissima coda;morbido,sottile e impermeabile il sotto pelo. Il suo pelo infatti è idrorepellente, possiede cioè una particolare e caratteristica untuosità naturale ideale nel proteggerlo dalle avversità atmosferiche del gelido Maine, sua terra d’origine, e che non consente al pelo di annodarsi.

Colori: tutti tranne point, chocolate e lilac

Vita media:13/15 anni

​

CARATTERE

​

Si adatta a vivere in appartamento, ma è meglio se ha terrazzi e giardini a disposizione. Curioso e attivo, è equilibrato e ha un buon carattere. Non graffia e non soffia quasi mai. Indipendente, apprezza chi si prende cura di lui e si affeziona a tutta la famiglia. Non teme il freddo invernale nè la pioggia grazie al folto pelo che lo protegge. Se può girare indesiderato è un abile cacciatore. Si adatta alla vita con altro animali. Nonostante la mole gigantesca possiede quella straordinaria agilità che solo i predatori possono avere, è grande e grosso ma svelto e agile come vero cacciatore che si rispetti I Maine Coon dei nostri salotti presentano, proprio per questo gusto innato alla caccia, vivacità e curiosità insaziabile, spiccatissime attitudini al gioco e a tutti quegli atteggiamenti e rituali atti a perfezionare anche le tecniche più sofisticate. Come spesso capita nei ’fuori taglia’ , il Maine Coon è dotato di una proverbiale bontà d’animo. La sua indole particolarmente pacifica e il suo carattere gioviale e comunicativo lo rendono particolarmente adatto alla convivenza con l’uomo con il quale instaura un rapporto paritetico e duraturo e,si adatta perfettamente alla tranquilla routine degli anziani ma è anche in grado di scatenarsi con i bambini più vivaci senza disdegnare la compagnia dei suoi simili o di un cane. Ama il suo padrone e lo segue volentieri durante i suoi spostamenti: in auto, aereo, treno.....lo segue sempre ed anche all’aperto usa accompagnare il padrone per brevi tratti di strada e, addirittura,non è infrequente vederlo al guinzaglio. Essendo una razza naturale è particolarmente rustico e robusto, la sua ‘gestione’ è semplice sia perchè non presenta particolari problemi di salute o difficoltà nell’alimentazione o nella manutenzione della sua pelliccia sia per il carattere dolce e per il temperamento equilibrato.

​

CURE

​

L'aspetto del mantello ricco e abbondante trae in inganno, facendo pensare a grosse difficoltà per mantenerlo pulito e senza nodi; in realtà non è così. Il pelo semi lungo del Maine Coon non richiede cure o attenzioni particolari, poiché è idrorepellente e cioè rivestito da una cuticola che lo impermeabilizza e protegge l'animale dalle intemperie. Questa naturale "untuosità" impedisce inoltre al pelo di annodarsi e infeltrirsi. In genere il gatto riesce a liberarsi da solo dei peli morti e a mantenere il mantello in ordine e pulito. Durante il periodo della muta, lo si può aiutare con un pettine a maglie larghe,un paio di volte alla settimana. Normalmente non ha bisogno di bagni qualora fosse necessario lavarlo, occorre avere cura di asciugare molto bene il pelo. Il mantello tende infatti a trattenere l'umidità, quindi una frettolosa asciugatura potrebbe essere causa di fastidiosi raffreddamenti.

​

ALIMENTAZIONE

​

Mangia sia cibo fresco che confezionato. Il Maine Coon in modo particolare ama il pesce ma non bisogna sempre assecondare i suoi desideri perché questo porterebbe sempre a fornirgli lo stesso tipo di cibo provocando, alla lunga squilibri dietetici e possibili effetti carenziali. E’ opportuno, quindi fin da piccolo abituarlo a cibo ricco e variato sia fresco che preconfezionato. Questo gatto contrariamente ad altre razze non cerca il cibo con insistenza, pertanto se non viene pienamente soddisfatto in quanto a qualità e quantità si serve da solo aprendo antine, scoperchiando casseruole e con un po’ di ingegno aprendo anche il frigorifero.

Qui vanno la politica sulla privacy e i cookie.

Imposta la registrazione di un cookie tecnico in cui neghi il consenso, non ti verrà più chiesto.

Rimuove il consenso per i cookie dal tuo browser.

Questo sito web fa uso di cookies. Si prega di consultare la nostra informativa sulla privacy per i dettagli.

OK